Blog

Preghiera In evidenza

Mio Dio,

sto alla tua porta:

sarò servo vigile e attento,

messaggero per il regno,

invito tutti alle tue nozze.

Se affonderò nelle mobili sabbie della noia,

che io non intristisca in egoismi

simili a pareti strette, senza cielo aperto.

Se m'addormento nel dubbio

e sotto la coltre della distrazione,

svègliami; e, se mi perdo

tra grattacieli d'inutili corse e cose,

dèstami, non temere di scuotermi.

Fa' che non pieghi il mio cuore

all'onda dei forti, che fa strèpito;

alta terrò sempre la testa,

umile orgoglio d'essere tuo servo.

Amen.

Letto 4962 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Tu sei libero:

Alle seguenti condizioni:

Leggi Tutto