Canzoni

Martedì, 09 Ottobre 2012 12:01

Meditazione d'Avvento 2012 In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(5 Voti)

 

«Sì, la sua salvezza è vicina…

…certo, il Signore donerà il suo bene»

(Sal 84[85],10.13)

 Meditazione d’Avvento


(Maria e Giuseppe entrano e si mettono il velo sul capo, disponendosi alla preghiera intorno al piccolo altare di casa. Maria mostra già i segni dell’attesa.)

 

Maria:     Siedi, Giuseppe, accanto a me;

o mio sposo, l’ora della preghiera ci chiama.

Giuseppe:      Sia benedetto il Signore!                     (e accende un cero)

Maria:     Da sempre e per sempre!                           (e accende un cero)

Gius-Mar.:      Amen. Amen. (e, dopo aver acceso un carboncino, vi gettano sopra un po’ d’incenso e ne seguono le volute che s’alzano con lentezza verso l’alto)

 

Canto 1: Cantiamo a Te, Signore, Alleluja!

Rit.:  Cantiamo a Te, Signore, Alleluja!

Cantiamo a Te, Signore, Alleluja!                 (2v.)

 

1.     Non dimenticare i benefici del Signore,

anima mia, benedici il Signore!      (2v.)                         Rit.

 

2.     Misericordioso e pietoso è il Signore,

lento all’ira e grande nell’amore.

Quanto è alto il cielo sulla terra è il suo amore,

anima mia, benedici il Signore!                                     Rit.

 

Maria:     “Il Signore manda il suo Spirito

Giuseppe:      …e tutto l’universo vibra, / si ànima, / freme in ogni                      fibra / come per un rinnovamento totale”.

Maria:     “Sia per sempre la gloria del Signore!”

Giuseppe:      “Gioisca il Signore di tutte le sue opere!

(cfr. Sal 103,30-31)

Canto 2:          Vieni, Spirito!

Vieni, Spirito!/ Vieni, Spirito!/ Vieni!/ Vieni! (+ vv., alzando le mani)

 

Giuseppe:      Ricordi, Maria? Presto dobbiamo recarci nella Città                        Santa: e così vedrai Betlemme, terra dei miei padri… è proprio nei dintorni e fra i primi sobborghi di Gerusalemme. Lì sarà il nostro censimento. Se i calcoli sono giusti, lì partorirai…

Maria:     “Quale gioia, quando mi dissero:

«Andremo alla casa del Signore!»               (cfr. Sal 121,1)

Giuseppe:      Quando i nostri piedi si fermeranno alle sue porte,                         allora sapremo che il Signore è vicino.

Maria:     Tu parli come un profeta, Giuseppe, mio sposo!

Gius.-Mar.:     “Anche se i monti si spostassero e i colli vacillassero,

non si allontanerebbe da noi l’affetto del Signore

né mai vacillerebbe la sua alleanza di pace,

perché è giunto il tempo di usare misericordia”.                                                                             (cfr. Is 54,10)

 

Canto 3: Vengo da Te, Signore                                  (cfr. Sal 116 e Sal 22)

 

Rit.:  Vengo da Te, Signore, / vengo da Te, da Te, / forte e fedele             il tuo amore per noi. / Popoli tutti, cantate a Lui!

Vengo da Te, Signore, / vengo da Te, da Te, / forte e fedele

il tuo amore per noi. / Alleluja--a-a, Alleluja--a-a, Alleluja-a.

 

 

1.     Su pascoli erbosi conduce, / ad acque tranquille ristora;

è il mio pastore e mia guida, / giusto cammino è il suo.

Non manco di nulla e non temo / di traversare valle oscura,

Tu sei con me, sicurezza, / sei il mio bastone e la forza!             Rit.

 

 

2.     Prepari per me la tua mensa, / è gioia davanti al nemico,

ungi di olio il mio capo, / il tuo calice trabocca dolcezza.

Sì, bontà e fedeltà son tuo dono, / Signore, abitar la tua casa,

per tutti i giorni del tempo, / tanto ha operato il tuo amore!     Rit.

 

 

 

 

 

Maria:     La nostra famiglia confida nel Signore.

Giuseppe:      Di giorno in giorno la sua luce ci guida, nei pericoli la sua provvidenza ci assiste, il suo amore ci precede ovunque. Ogni Salmo riconosce la lode all’Altissimo     “per la sua fedeltà e la sua misericordia!” Benedetto il suo nome santo! (Sal 137,2)

Maria:     Dio è maestà infinita, eppure si china su di noi, che                              siamo una piccola realtà di famiglia… …E tu, Giuseppe,                tu sei il mio sostegno, scelto da Dio!

Giuseppe:      Non temere, o Maria, sarò sempre al tuo fianco!                             Solo vorrei che continuassimo a pregare, senza

smettere mai… …vorrei aver fede e confidare anche nei giorni a venire… pienamente… nel Signore! Sia benedetto il suo nome!

Maria:     “Del tuo amore, Signore, è piena la terra;

Gius.-Mar.:     …hai fatto del bene al tuo servo,

                        secondo la tua parola, Signore!”                     (Sal 118,64-65)

Maria:     Rendi salda la casa, perché il costruttore sei tu, o Dio!

Giuseppe:      “Come vite feconda la tua sposa                (cfr. Sal 126 e 127)

                        nell’intimità della tua casa…

Maria:   …come virgulti d’ulivo i tuoi figli / intorno alla tua mensa”.

Giuseppe:      Mentre ti osservo nei lavori di casa, o Maria, oppure

quando mi porti da bere o mi sbucci un frutto sul lavoro,

beh, ammiro la grazia e la cura che ci metti… Ma la cosa più bella e strana è che il mio cuore, nel vederti, arde di conoscere il Signore sempre più: tu mi trasmetti questo, Maria: non è bello?

 

Canto 4:          Ci hai fatti per Te, Signore

Ci hai fatti per Te, o Signore, / ci hai fatti per Te, Gesù,

e il nostro cuore è inquieto e senza pace

fino a quando / non riposa, riposa in Te.  (2v.)

 

 

 

 

Maria:     Con te, Giuseppe, non ci siamo mai presentati al Tempio              del Signore a mani vuote…

Giuseppe:      …anche poco, quello che potevamo… l’offerta dei                   poveri: due tortore, un piccolo volatile… Tutto ciò che abbiamo ricevuto, tutto offriamo, perché siamo i suoi anawìm

 

Canto 5:          Per tutta la mia vita loderò il Signore (cfr. Sal 145[146])

Per tutta la mia vita loderò il Signore / Alleluja Alleluja Allelu-u-u-ja!

 

 

 

 

Maria:     …è anche grazie al tuo sostegno, Giuseppe, che ho

imparato a fidarmi di Dio in ogni occasione… ciecamente…

…l’Altissimo vede… provvede… e io so di non restare delusa,

quando gli porto la mia preghiera…

Giuseppe:      “Chiunque in te spera / non resti deluso

…io spero in te tutto il giorno, o Signore”! (Sal 24,3.5)

Maria:     È una grande preghiera! Quante volte la ripetiamo agli                  incontri dei genitori che si tengono in sinagoga…

…e quanti di essi sono tristi, angosciati, disperati, per i loro figli!...

Giuseppe:      Già… troppi genitori piangono i loro figli…

…e troppi figli non hanno più padri e madri!...

Gius.-Mar.:     …E noi, che genitori saremo?...

 

 

Canto 6:          Ti porto solo una preghiera

1. Ti porto solo una preghiera, / ti porto questa vita mia;

è dono tuo, Padre, quest’ora, / in cui il mio grazie sale a Te.

Tu mi conosci nel profondo, / Tu sei già con me, / dal primo mattino credi in me, / grande come sei, / mi chiami e mi sollevi verso Te: / precedi i passi e dove andrò, / quel po’ di bene che farò / esce dal mio cuore, / ma parte dal tuo amore… / Grazie a Te! Grazie a Te!

 

2. Ti porto solo una preghiera, / ti offro questa vita mia

e accetto il dono tuo, Signore: / portare amore ovunque sia.

Nel mondo aperto che vivrò, / molte volte anch’io / potrò andar lontano, via da Te, / come un figlio, che / perde in sé vestito e dignità: / Tu mi rialzi e, accanto a Te, / ritrovo la mia libertà, / torna in me la vita, / con una gioia infinita. / Grazie a Te! / Grazie a Te!

 

3. Ti porto solo una preghiera, / che è tutta questa vita mia,

e so che il dono tuo, Signore, / per sempre mi accompagnerà,

per sempre mi accompagnerà!...

 

 

 

 

Giuseppe:      Cara Maria, io penso che quando l’Onnipotente s’è                                messo a ricercare sulla terra una madre per suo Figlio, ha trovato rilucente in te quella sua grazia, che aveva riversata con pienezza su di te fin dagli inizi…

Maria:             (ride, arrossisce un po’ confusa e abbassa gli occhi)

Giuseppe:      …io stesso sono testimone di questo evento atteso, promesso, incredibile… Sì, c’è nelle Scritture… diverse profezie… Non lo racconto a nessuno perché nessuno… …mi crederebbe… Ma, io so… che tu… tu… diventerai la madre… non di un figlio solo umano… - io, non ti ho mai toccata se non per proteggerti, lo sai – …perché tu hai accolto e porti in te un prodigio che solo la potenza infinita del Signore può creare… definire… plasmare!... Sia benedetto l’Altissimo e si dia gloria al suo nome!

Maria:     (quasi lo interrompe col sorriso e gli prende le mani) Giuseppe!...

Giuseppe:      Vedi, anche le mie parole balbettano… …sì… non   riesco nemmeno ad esprimere il mistero che stiamo vivendo…

Maria:     Non affliggerti, Giuseppe! Tu, mio caro sposo, sarai il                    custode di noi tutti: di me e del bambino. Egli incarna quanto il Signore ha preparato fin dai più nascosti secoli: Dio ci fa l’onore di disporre della nostra libertà! Sia lodato e benedetto!

 

Canto 7:          Un annuncio di pace e di amore: Maria!

1° Rit.:      O Maria, sei tu / la purez--za che / Dio ha raccol--to                         per noi / dall’uma--nità. / O Maria, con te / Dio è in                         mez--zo a noi: / un annun--cio di pa--ce e di amo--re!

Benede—tta tu / fra le do---nne, Maria,

intessu---ta di grazia, / risplenden---te di luce, tu sei.

Benede---tta tu / fra le do---nne, Maria,

come un fiu---me di pace, / come un ven---to d’amore, / tu sei!

(uomini)    Noi cantiamo con te / la grandezza di Dio:

provvidente il Suo cuore / per i piccoli suoi.

Noi preghiamo con te, / Santa Madre di Dio,

in te nasce ogni uomo / come figlio di Dio!

2° Rit.:      O Maria, sei tu / la purez--za che / Dio ha raccol--to                         per noi / dall’uma--nità. / O Maria, con te / Dio è in                         mez--zo a noi: / un annun--cio di pa--ce e di amo--re!

Benede—tta tu / …

(uomini)    Noi cantiamo con te / …

3° Rit.:      O Maria, sei tu / la speran--za che

Dio ha raccol---to per noi / dall’uma---nità.

                   O Maria, con te / Dio è in mez--zo a noi:

un annun---cio di pa---ce e di amo---re!

 

(coda)       O Maria, tu sei…/ …un annun-cio / di pa-ce e di amo-re!

Giuseppe:      Maria, anche se siamo in preghiera, ti chiedo una                          cosa: le sai le ultime notizie di Zaccaria, il sacerdote, marito di tua cugina Elisabetta, presso cui ti sei recata qualche mese fa… il padre anziano di Giovanni?...

Maria:             Qualcosa sì, Giuseppe… ma, dimmi, ti ascolto.

Giuseppe:      Dicono che abbia riacquistato la voce che prima                            aveva perso in modo alquanto inspiegabile: rimasto muto, era come segregato in casa; ma ora, con lingua sciolta, quasi fosse un giovane cantore delle davidiche salmodìe, non fa che benedire a gran voce il Signore (con tono poetico)

perché ha visitato il suo popolo / e si è degnato di dar gloria alla

sua redenzione”. Tu, cosa dici di questo fatto? E poi, eri ancora lì…

Maria:     Pensa, Giuseppe: Elisabetta mi ha confidato che il suo                  Giovannino ha sussultato nel grembo quando ha sentito non solo il suono della mia voce, ma il respiro e i movimenti del bambino, di Gesù, che porto in me…

Giuseppe: Ma allora è vero!... Che strano!... Sai, ho anche parlato

con una nostra parente che di recente l’ha vista…

…la conosci anche tu, vero?

Maria:     Certo!... È Fe’hliqah…

Giuseppe:      …proprio lei: ha detto che il figlio di Elisabetta, pur                         così piccolo, sembra avere il dono della profezia… Del resto per tutta la Giudea non si parla d’altro e dei tanti prodigi, tutti uno sull’altro, che hanno accompagnato la sua nascita…

Maria: (con tono profetico) Io so che Giovanni non si risparmierà: parlerà,         griderà, chiamerà a raccolta i poveri e i ricchi… contadini, pastori, schiavi, mercanti, studiosi della legge, militari… anche il palazzo del re potrà ascoltare il messaggio di Dio, grazie a Giovanni…

Giuseppe:      (interrompendola) …a dir la vera verità, il cuore di Erode                      sembra sordo e piuttosto dèdito ai piaceri illeciti…                         …altro che attento alla predicazione di Giovanni!...

Maria: (continua, assorta) …La sua vita è un dono, come il suo nome…      e lui la spenderà sempre dalla parte di Dio... …tutti ascolteranno la sua voce che si alzerà forte… (gesto) …e si batteranno il petto…

Giuseppe:      Ora sei tu, Maria, cara sposa, che vieni fuori con                            accenti profetici! (abbracciandola) Sì, l’Onnipotente ha sempre una Parola attuale di salvezza: (indica il grembo di Maria)

…ci è stato detto di chiamarlo Gesù che vuol dire ‘Dio-salva’… sarà il Verbo di Dio venuto in mezzo a noi per la salvezza. Udremo tutto questo!... Oh, che grandi prodigi!... Cosa unisce di più del suono della voce? Quando ti chiamo, Maria, tu sei già lì, pronta, sorridente e buona… e io riconoscerei la tua voce ovunque!

 

 

Canto 8: Anche tu sei una voce

1. Anche tu sei una voce, / un riflesso, un’immagine sua… / …vo-ce… …tutto in te annuncia Lui, / tu precedi Colui che raggiunge il cuore dell’uomo; / le tue tracce di vita, / le occasioni che avrai,

ciò che disposto tu sei / ad offrirGli / di te.

Anche tu sei una voce: / Nel deserto spianate la via, a Di--o, / ogni valle innalzate, / ogni monte abbassato sarà ad accogliere luce”. / Siamo il popolo suo, / prepariamo il suo avvento: / basta commettere il male e impariamo / la pace.

 

 

2.     Anche tu sei una voce… / In quei giorni è venuto Giovanni a di--re: «Convertite a Dio il cuore, / perché il regno dei cieli è vicino! Tornate al Signore! / Fate un frutto che sia / prova di conversione: / già alla radice è la scure e / taglierà ogni male»”.

Anche tu sei una voce: / “Preparate la via del Signore nostro! / Egli porta salvezza: / battezzando in Spirito Santo rinnova la vi--ta. / Sì, Giovanni sei tu, / quando annunci che Cristo / è quel Vangelo di amore / che ci porta / la pace… / …la pace, la pa-ce, la pace, la pa-ce!

 

(coda) …anche tu sei una voce / anche tu sei una voce…

 

 

Vieni, Signore Gesù, non tarda--re, / tu, che sei il “Dio-con-noi”.

Dona a ogni uomo la forza di ama--re, / vieni, Signore Gesù-ù!

Gloria a Dio nel più alto dei cieli / e pace in terra quaggiù,fa’ che ogni uomo ritorni a sperare, / vieni, Signore Gesù-ù!       (2v.)

 

Mena’chem e Qalèsh(bussano alla porta) Il Signore Adonài vi ascolti,                      cari amici! Possiamo entrare a pregare con voi?... (entrano) Come vorrei che tutto il popolo attendesse il Salvatore con uguale intensità!... io… noi… (rivolti a Maria e Giuseppe) vi ammiriamo!

Giuseppe:      Se penso alle difficoltà che ho avuto io stesso a                      credere, capisco la fatica degli altri… Eppure i profeti                    l’avevano già detto e scandito nei loro vaticinî:

Gius.-Mar.-Men.-Qal.:    “Vieni, Signore, non tardare,

colma l’attesa del tuo popolo”!   (Sal 40,18)

Qalesh:   “Io dormo, ma il mio cuore veglia”…                  (Ct 2,7)

Gius.-Mar.Men.-Qal.:   “In pace mi corico e subito mi addormento,

                perché tu solo, Signore, fiducioso mi fai riposare(Sal 4,9)

 

 

Canto 9: Vieni, Signore Gesù! Maranathà!

Rit.:        Vieni, Signore Gesù, Maranathà… (2v.)

        (una luce brilla per noi, / una luce brilla per noi, / una luce brilla per              noi) / è il Signore Gesù, / Maranathà, Maranathà, Maranathà!

 

 

1.     Una voce grida nel deserto:Preparatevi ad accogliere il Signor, disponetevi a cambiare vita, / perché il regno di Dio / viene a voi, è ormai vicino”. Rit.

 

 

2.     “Voi formate il popolo di Dio: / camminate nella luce del Signor, / al suo monte dirigete i passi,/ e la pace sarà / per chi segue i suoi sentieri”. Rit.

 

 

3.     Dio ci ha scelti nel suo grande amore: / su di noi la sua gloria apparirà, / viene a no la sua Parola vera, / e ogni uomo vedrà / la salvezza del Signore”. Rit.

 

 

  1. 4.La preghiera sale a Te, Signore, / la tua Chiesa crede che ritornerai / a portare a tutti la tua vita, / gioia piena con Te, / nell’eternità beata. Rit.

 

Mena’chem:  Alla sinagoga i bambini cantano un canto simile,                            però con parole non prese dalle profezie… ma mi piacciono… sembrano vicine, più vicine a noi… e poi sono vive, piene del ritmo del cuore… vero, Qalesh?

Qalesh:   Sì, Mena’chem… è proprio così…

…e cantano volentieri che è un piacere ascoltarli!

Canto 10:     Vieni, Signore mio/nostro!

Rit.:        Vieni, / Signore mio! / Vieni, / Signore, Dio!

Vieni, / nella mia mente, / vieni nella mia vita-a...

Vieni, / Signore nostro! / Vieni, / fratello nostro

Vieni, / porta la vita, / vieni, / gioia infinita-a!

 

 

1.      Quando ti penso, io, / Signore, sei con me!

Quando ti cerco, io, / Signore, sei con me!

Se, poi, ti offendo, io, / Signore, sei con me!

Se cerco il bene, io, / Signore, sei con me! / Rit.

 

 

2.      Quando lavoro, io, / Signore, sei con me!

Quando riposo, io, / Signore, sei con me!

Se, poi, ti chiamo, o Dio, / Signore, sei con me!

Tu mi rispondi, o Dio, / Signore, sei con me! / Rit.

 

 

Maria:     Grazie, Mena’chem, grazie Qalesh, della vostra visita e                 delle vostre parole: avete un entusiasmo che coinvolge!

Men.-Qal.:         Siamo venuti perché voi riuscite a farci gustare la                          preghiera: noi vogliamo apprendere questo dono!

Maria:      (guarda anche verso Giuseppe) Voglio ripetere qui, con voi e con        Giuseppe, il canto che lo Spirito del Signore ha fatto sgorgare dal mio petto quel giorno quando sono arrivata presso Elisabetta… Così loderemo e benediremo insieme il Dio santo e forte: Egli guida il nostro avvento, l’attesa… (guarda il suo grembo e poi alza lo sguardo al cielo) …e il compimento di tutte le sue promesse.

Giuseppe:      Il tuo, o Maria, non è solo un canto di lode. Mi sto                           davvero convincendo che solo tu sai rileggere in modo del tutto nuovo il libro della storia; e noi insegneremo a nostro figlio Gesù come scorgere che c’è la mano di Dio dentro le vicende umane, perfino le più controverse e piene di problemi… Guarda anche noi: quante difficoltà!... ma a tutto c’è rimedio, confidando nell’Eterno! Sia lodato e benedetto il suo nome!

Gius.-Mar.-Men.-Qal.: Popoli tutti, lodate, benedite il Signore!

                        Forte è il suo amore per noi,

la sua fedeltà per ogni generazione!          (Sal 116[117])

 

Canto 11:       Magnificat

1. Magnifica il Signore, / l’anima mia / gioisce in Lui

ed esulta in Dio il mio spirito: / io, serva, e Lui, / mio Salvatore!

D’ora in poi / tutte le genti / mi chiameranno beata, / perché grandi cose in me / ha fatto l’Onnipotente / e grande e Santo è il suo Nome: / la sua misericordia / abbraccia chi è fedele.

 

 

2. Dio rovescia i troni alteri / e dei superbi / atterra il cuore,

ne vanifica i pensieri / e gli umili / li innalza al cielo;

coi beni provvede ai poveri, / a mani vuote lascia i ricchi, ma ricolma il servo suo; / conferma alleanza ad Israele, / perch’è per sempre il suo amore, / promesso ai nostri padri, / da Abramo a tutti noi.

 

 

3. Rendo lode al mio Signore, / tutta la storia / ha senso in Lui;

scopro accanto a me i suoi passi, / accolgo in me / la sua salvezza!

Dio si pone accanto ai miseri, / solleva gli occhi di chi spera in Lui,

risorgi grazie alla sua mano!, / e sgorga il canto della gioia,

perché non lascerà che muoia / chi porta in sé la gloria / d’essere figlio suo!

 

 

4. ………………. / Gloria, Gloria al Padre e al Figlio / e allo Spirito Santo! / Un mistero grande è in me: / l’umanità elevata a Dio, / il suo amore senza fine! / L’anima mia gioisce, / magnifica il Signore!

 

 

Mena’chem:  Questo canto, se permetti, Giuseppe, lo farò                           imparare ed eseguire anche alla sinagoga, un sabato: Qalesh per la parte delle donne… io per quella degli uomini…È troppo bello… …e poi è pieno zeppo di citazioni della Scrittura…

Giuseppe:      Già, Mena’chem… Avresti mai detto che la mia                              Maria fosse così a conoscenza dei rotoli delle profezie?...

Maria:     (prendendo a braccetto Qalesh, con un sorriso) Voi, uomini…                           …non dovete lodare me; ma lodate e benedite insieme a me Colui che è tre volte santo e conduce ogni uomo all’autenticità di se stesso.                                                                              (cfr. Is 6,3)

Canto 12:                Santo Santo Santo Santo è il Signore

Santo Santo San—to / Santo è il Signo—re / Dio dell’univer—so / Santo è il Signor! / I cieli e la ter--ra / sono pieni della tua glo—ria

I cieli e la ter—ra / sono pieni del tuo amor!

Osanna Osanna Osan—na nell’alto dei cie—li / nell’alto dei cie—li

Osanna Osanna Osan—na nell’alto dei cieli Osa-a-nna.

Benedetto Colui che vie—ne / nel nome del Signo—re

Benedetto Colui che vie—ne / nel nome del Signor! / Osanna…

 

Giuseppe:      (sorridendo e col dito puntato)Come potrà un giovane                                                                    tenere pura la sua via?

Gius.-Mar.-Men.-Qal.:    “Osservando la tua parola

Maria:     “Con tutto il cuore ti cerco”                                 (Sal 119,9-11)

Gius.-Mar.-Men.-Qal.:    “Ripongo nel cuore la tua promessa

Giuseppe:   “Sii benevolo con il tuo popolo, o Signore”!    (cfr Sal 77,8)

Gius.-Mar.-Men.-Qal.: “Perché ha le tue vie nel suo cuore”! (Sal 84,6)

 

 

Canto 13:       Amo la famiglia

Amo la famiglia che m’ha dato il Signore, benedite con me il Signore!

Spero che anche il mondo, un bel giorno, sarà / nel suo amore una

splendida comunità!       (+vv.)

 

Maria:     Non immaginate nemmeno quante volte avverto lo Spirito di Dio alitare attorno a me, come all’inizio della creazione aleggiava sulle acque… …e poi lo sento come l’aria fresca e tersa che respiro… come il sangue che mi scorre nelle vene… come i pensieri che mi passano nella mente     con la velocità dell’aquila in volo…

Qalesh:   Maria, che bello ascoltarti e quanto fortunato è Giuseppe che può gustare ogni tua espressione, ogni parola che esce dalla tua bocca!... Noi, donne, più degli uomini conosciamo il silenzio…

Mena’chem:  Questa sera le nostre donne ci battono, due a zero!                Mi credi, Giuseppe, se ti dico che mi sento più forte quando prendo coscienza della presenza così palpabile, come dice Maria, del Dio Altissimo su di me, su di noi, sulle nostre famiglie, sul popolo, sull’umanità intera? Lodato nell’alto dei cieli e qui sulla terra il suo nome! Grazie anche alle parole tue e della tua sposa.

Giuseppe:      Sì, ti credo, Mena’chem. (cinge Maria) Maria è…                                  …formidabile. (come soprappensiero) …dentro di noi agisce lo Spirito di Dio benedetto… in lei questo agire del Signore è qualcosa di stupefacente: si mostra ogni momento, anche nelle azioni più quotidiane e umili… sembra incredibile, ma è così!... Quando capiremo tutto quanto ci sta accadendo?

 

 

Canto 14:       È in noi questa tua forza, o Dio!

1. Quando riuscirò a vedere il mondo / e Te, Gesù, con gli occhi della fede... / ...e a muovere i miei sentimenti a ciò che unisce il cuore: / la verità che abbraccia la speranza?...

Quando guarderò nel mio profondo, / lì, dove Dio in me più vede e crede e, grande, riscoprire in me l’eterna Sua presenza, a vincere le mie ansie e le paure?...

 

 

Rit.:  È in noi questa tua forza, o Dio! / È il dono tuo, che faccio mio:

ridare suono e voce a Te, / svelare il Volto e il gesto tuo!

 

 

2. «Voi levate gli occhi: è un campo aperto, / la vostra umanità è il nuovo grano / da crescere, da cogliere, e tocca alle tue mani, / e tocca il cuore, apri il tuo domani!».

«Dalla riva, voi, prendete il largo: / la pesca non tradisce il vostro andare; / se c’è / la notte della prova e se tu tocchi il fondo, / dal fondo salirai a navigare!». Rit.

 

3. Forse riuscirò a vedere il mondo / e Te, Gesù, con gli occhi della fede / e a dar più luce ai sentimenti, ai giorni ed ai miei passi, / illuminar le notti di speranza...

...e, certo, guarderò nel mio profondo, / lì dove Tu in me più leggi e scrivi / gli accenti nuovi e i ritmi belli, da cui sgorga il canto, / quel palpito d’amore che Tu vivi!                Rit.

4. ………………………………..

...Ed ora, che riesco a dire al mondo / di Te, Signore, e del tuo cuore immenso: / ch’io accolga tutti senza mai chiusure né barriere,

Tu, atteso e amato in tutte le frontiere!                       (non c’è il Rit.)

Giuseppe:      Ecco, Maria, mèttiti lì, fatti contemplare: Tu sei                                       l’amata dal Signore, su questo non c’è dubbio!… e,        per me, tu sei come l’arca che contiene i rotoli della Torah!

Mena’chem(con tono scherzoso) Come sei aggrazziato e ispirato,                            Giuseppe!... altro che attrezzi di lavoro!...

Maria:     Hai ragione, Mena’chem, Giuseppe a volte esagera. (rivolta a Giuseppe con sguardo intenso)

Grazie, mio sposo!

Mena’chem:  Dài, Maria e Giuseppe… prima di lasciarci, questa                         sera, insegnateci quella stupenda preghiera che recitate solo voi… e che non ho mai sentito presso altri…

Qalesh:   Sì, sì… non l’ho mai sentita da nessuna parte… neanche      dal rabbino… ed è meravigliosa… l’ho imparata qui da voi e non smetterei mai di recitarla:

(quasi con gli occhi chiusi, recita con tale sentimento che tutti si uniscono a lei)

 

Abbà, Padre degli umili, / santo è il tuo nome in mezzo a noi

e santa la tua volontà, su nel cielo come in terra.

Distribuisci il pane ogni giorno;

dona l’onestà del cuore,

che nel lavoro, rende lode e gloria al tuo nome;

accogli l’umile preghiera di ogni vivente

e abbi misericordia di noi

quando siamo misericordiosi verso tutti i nostri fratelli.

Così ci sosterrai nel momento della tentazione. Amen. (guardando tutti)   Io mi commuovo ogni volta: / è una preghiera bellissima!

 

Maria:        (si congratula con Qalesh) Brava, Qalesh! Come fai a ricordare                tutte le parole? Questa preghiera nasce proprio dal nostro cuore, di Giuseppe e mio… Presto, quando sarà nato, (si tocca il ventre) anche Gesù la imparerà e sarà lui, poi, ad insegnarla a tutti… Sapete? È piaciuta anche a Rabbi Yaddaj, al quale abbiamo riferito il testo… pensate che l’ha voluta musicare, accompagnandosi col dedacordo… lui, suona molto bene… (volge lo sguardo verso il cielo e prende la mano di Giuseppe)

Giuseppe:      Lodiamo e benediciamo insieme Colui mediante il quale tutto è stato fatto di ciò che esiste, che opera ogni cosa con immensa saggezza e fa rifiorire la speranza in ogni cuore:

canto 15:     Padre nostro

Padre nostro, che sei nei cieli, / sia santificato il tuo nome.

Venga il tuo regno, / sia fatta la tua volontà

come in cielo e così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano

e rimetti a noi i nostri debiti,

come noi / li rimettiamo / ai nostri / debitori;

e non lascia-ar-ci cadere in tentazione,

ma lìberaci dal male, / ma lìberaci dal male.

Perché tua è la potenza, / tua è la gloria nei secoli.

Amen, Amen, Amen.

 

 

 

Gius.-Men.:    “…ogni nazione della terra

vedrà la salvezza e la gloria di Dio”.

Mar.-Qal.:       Il Messia del Signore,

quando verrà,

spazzerà via le tenebre

e farà splendere la luce della verità.

Qalesh:   “Susciterò a Davide un germoglio giusto”         (Ger 23,5)

Maria:     “Un germoglio spunterà dal tronco di Jesse”    (Is 11,1)

Gius.-Men.:    “Le nazioni cammineranno alla sua luce”!   (Is 60,3)

Gius.-Mar.-Men.-Qal.:    Benedetto colui che viene

nel nome del Signore!

Se torneranno a me con tutto il cuore…

                                        …concluderò con loro un’alleanza nuova

                                                    (Is 40,5; Ger 23,5; 24,7; 31,31-34; Lc 13,35)

 

Canto 16:       Roccia, benedetto il Signore, mia roccia    (Sal 143[144])

Roccia, / benedetto il Signore, mia roccia,

Tu, fedele alleanza d’amore, / Tu, rifugio, Tu, liberato-o-re,

Tu, mio scudo, in Te pa-a-a-ce, / vita, salve—zza, salve-e-zza  (3v.)

 

 

Canto 17:       Madre del Verbo (Litanie della Speranza)

  1. 1.Madre del Verbo, / Serva del Respiro di Dio, / Profezia dell’Aurora più bella; / Segno fedele, splende lo Spirito in te: / tu sei piena di grazia!

Rit.: Voce di libertà, / voce di comunione,

voce di santità, / voce di pace!

Voce di libertà, / voce di comunione,

voce di santità, / voce di pace!

 

  1. 2.Vergine ascolto, / Volto materno di Dio, / tu, speranza di tutta la Chiesa; / Presenza operante, rechi il Vangelo tra noi: / tu, sorella di tutti i redenti!

Rit.: Via che conduce a Lui, / via di fraternità,

        via della santità, / via d’amore!       

Via che conduce a Lui, / via di fraternità,

        via della santità, / via d’amore!

 

  1. 3.Nostra speranza, / Grembo dell’amore di Dio, / tu, sostegno dei poveri; / Forte modello, Umile fecondità, / tu, primizia di Cielo!

Rit.: Luce che ci apre a Dio, / luce che chiama a Lui,

        luce di santità, / luce di vita

Luce che ci apre a Dio, / luce che chiama a Lui,

        luce di santità, / luce di vita!

 

4. Abbi misericordia, / Madre, ricorriamo a te, / in questa valle di lacrime!... / Volgi il tuo sguardo, / mostraci il Figlio, che a noi / dona il Pane di Vita!

………………

 

Rit.: Vita che è stare con Lui, / vita della Trinità,

        vita di santità, / vita per sempre!

        Vita che è stare con Lui, / vita della Trinità,

        vita di santità, / vita per sempre!

 

                Ave, Maria! / prega per noi, / Ave, Maria! / prega per no--i!                                                                                                          (3vv., a sfumare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø

 

GRAZIE

PER AVER PRESO PARTE

A QUESTO INCONTRO DI SPIRITUALITÀ E TESTIMONIANZA

 

ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø

 

 

Testo e canti di d.Gaetano Castiglia – 8/9 ott. 2012

www.gaetanocastiglia.it

 

ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø ø

ATTENZIONE. Spartiti e accordi sono disponibili solo ad utenti registrati esegui il Login oppure Registrati per visualizzare i links .

Letto 5867 volte Ultima modifica il Domenica, 21 Ottobre 2012 11:34
Devi effettuare il login per inviare commenti

Tu sei libero:

Alle seguenti condizioni:

Leggi Tutto

Sei qui: Home Canzoni Blog Don Gaetano Meditazione d'Avvento 2012